Pediatria On Line è la community dei Pediatri Italiani: un circuito di discussione e confronto fra migliaia di medici specialisti moderni ed aggiornati.

fad

Fatti riconoscere

E-mail:

Password:

Ricordami:

FAD

formazione a distanza

La tubercolosi in età pediatrica

Corso di formazione a distanza

Info generali sul corso

Autore e Responsabile scientifico: Dott. Guido Vertua, Pediatra di Libera Scelta

Data inizio 12/06/2017  Data fine 12/06/2018
Entro la data di scadenza, l’utente dovrà aver superato positivamente il test finale per ottenimento dell'attestato ECM.

Crediti formativi
Il superamento del test finale consentirà di ottenere 10 crediti formativi, valevoli sul territorio nazionale.
Il conseguimento dei crediti ECM può avvenire unicamente dopo il superamento del Test di apprendimento costituito da domande a risposta multipla (4 risposte di cui solo 1 corretta). E` necessario rispondere esattamente ad almeno il 75% delle domande. L’esito della prova viene visualizzato immediatamente a fine compilazione. Il test può essere ripetuto massimo 5 volte.

Valutazione della qualità percepita
La normativa ECM richiede la compilazione del questionario di valutazione della qualità percepita, da compilare obbligatoriamente prima di ottenere l'attestato ECM.

Durata del corso

Il tempo necessario stimato per completare il percorso formativo e` di 10 ore. Tale durata e` definita come il tempo medio stimato per acquisire le conoscenze/competenze da parte di un utente medio.

Destinatari
Professioni: Medico Chirurgo, Infermiere, Infermiere Pediatrico.
Discipline: allergologia ed immunologia clinica; angiologia; cardiologia; dermatologia e venereologia; ematologia; endocrinologia; gastroenterologia; genetica medica; geriatria; malattie metaboliche e diabetologia; malattie dell'apparato respiratorio; malattie infettive; medicina e chirurgia di accettazione e di urgenza; medicina fisica e riabilitazione; medicina interna; medicina termale; medicina aeronautica e spaziale; medicina dello sport; nefrologia; neonatologia; neurologia; neuropsichiatria infantile; oncologia; pediatria; psichiatria; radioterapia; reumatologia; cardiochirurgia; chirurgia generale; chirurgia maxillo-facciale; chirurgia pediatrica; chirurgia plastica e ricostruttiva; chirurgia toracica; chirurgia vascolare; ginecologia e ostetricia; neurochirurgia; oftalmologia; ortopedia e traumatologia; otorinolaringoiatria; urologia; anatomia patologica; anestesia e rianimazione; biochimica clinica; farmacologia e tossicologia clinica; laboratorio di genetica medica; medicina trasfusionale; medicina legale; medicina nucleare; microbiologia e virologia; neurofisiopatologia; neuroradiologia; patologia clinica (laboratorio di analisi chimico-cliniche e microbiologia); radiodiagnostica; igiene, epidemiologia e sanità pubblica; igiene degli alimenti e della nutrizione; medicina del lavoro e sicurezza degli ambienti di lavoro; medicina generale (medici di famiglia); continuità assistenziale; pediatria (pediatri di libera scelta); scienza dell'alimentazione e dietetica; direzione medica di presidio ospedaliero; organizzazione dei servizi sanitari di base; audiologia e foniatria; psicoterapia; cure palliative; epidemiologia; medicina di comunità, infermiere, infermiere pediatrico.

Costo del corso
Il costo ammonta ad euro 30,00 + IVA.
Per le modalità di accesso e pagamento contattare la segreteria al numero 030 5032090.

Metodo didattico
Il corso e` basato su un percorso didattico di apprendimento strutturato con le seguenti funzionalità:
- self study con accesso illimitato
- possibilità di approfondire i contenuti attraverso la consultazione di abstract e riferimenti bibliografici indicati in calce
- test conclusivo a risposta multipla a doppia randomizzazione.

Acquisizione competenze tecnico professionali
Alla luce delle più recenti evidenze scientifiche e delle linee guida internazionali, questo corso offre la possibilità di acquisire nozioni specifiche inerenti alla tubercolosi in età pediatrica.
Attraverso un’analisi dei dati epidemiologici più recenti, la conoscenza dei principali meccanismi fisiopatologici, l’approfondimento degli elementi clinico-anamnestici, l’individuazione dei sintomi d’allarme e un adeguato approccio diagnostico potremo identificare i bambini con tubercolosi pediatrica e prescrivere un’adeguata terapia.

Indice

  • Introduzione
  • Eziologia
  • Il bacillo della tubercolosi
  • Breve storia della tubercolosi
  • Epidemiologia
  • La tubercolosi nel mondo
  • La tubercolosi in Italia
  • Trasmissione
  • Patogenesi
  • Diagnosi
  • Infezione tubercolare latente (LTBI)
  • Test alla tubercolina
  • Test immunologici in vitro (IGRA)
  • Malattia attiva
  • Diagnosi microbiologica
  • Indagini radiologiche
  • Sintomatologia
  • Infezione primaria
  • Tubercolosi polmonare primaria
  • Tubercolosi extrapolmonare
  • Terapia
  • Infezione tubercolare latente
  • Tubercolosi polmonare ed extrapolmonare
  • Prevenzione
  • Bibliografia


Riassunto

La tubercolosi (TBC) rappresenta ancora oggi un’emergenza di sanità pubblica a livello mondiale, costituendo una delle dieci cause più frequenti di morte in tutto il mondo.

In Italia, come nella maggior parte dei paesi industrializzati, la tubercolosi è una malattia poco frequente (l’incidenza è infatti inferiore a 10 casi/100.000 abitanti) anche se, negli ultimi tempi, nelle grandi città l’incidenza è aumentata di quattro volte rispetto alla media nazionale.

Questo, insieme alla comparsa di cluster epidemici e all’aumento lento, ma progressivo, dei ceppi di Mycobacterium tuberculosis multiresistenti, ha contribuito ad aumentare l’attenzione nei confronti di questa malattia.

In età pediatrica il sospetto di tubercolosi dipende di solito o da un quadro clinico suggestivo oppure da un’indagine epidemiologica per un contatto noto con un caso di tubercolosi. Un’approfondita anamnesi è fondamentale per stabilire la natura dell’esposizione e la caratterizzazione dei sintomi.

La tubercolosi pediatrica si differenzia da quella dell’adulto per svariate ragioni. La diagnosi clinica è più difficile a causa della sintomatologia spesso non specifica o poco significativa ed è inoltre assai più difficoltosa la diagnosi microbiologica per la presenza, nella quasi totalità dei casi, di forme primarie e per la difficoltà di raccogliere materiale biologico idoneo.

Il riscontro di una polmonite atipica o resistente alla terapia antibiotica, l’esistenza di una sintomatologia respiratoria di lunga durata, la rilevazione di quadri radiografici tipici o a lenta progressione e la presenza di segni clinici suggestivi di forme extrapolmonari o sistemiche devono suggerire il dubbio di trovarsi fronte ad un caso di tubercolosi.

La conferma batteriologica dovrebbe essere sempre eseguita. Negli ultimi anni sono state proposte nuove modalità per migliorare la raccolta dei campioni biologici dai bambini, per aumentare la sensibilità dei test microbiologici e per incrementare l’identificazione di resistenze farmacologiche.

Recentemente sofisticate metodiche di laboratorio, basate sulla biologia molecolare, permettono in tempi molto rapidi di identificare il Mycobacterium tuberculosis e di valutarne anche le specifiche sensibilità ai farmaci.

Infine, rispetto alla tubercolosi dell’adulto, la terapia è più problematica perché spesso mancano formulazioni farmacologiche pediatriche, essendo la terapia in gran parte basata sui dosaggi per i pazienti adulti; di conseguenza il rischio di fluttuazioni nel dosaggio effettivo dei farmaci ha portato allo sviluppo di combinazioni specifiche per i pazienti pediatrici.

Accesso al corso




 

10/5/2017

10/5/2017



Alla tastiera...

Stai navigando come utente anonimo. Nessun problema per noi, ma in questo modo non potrai accedere alle pagine riservate ai Pediatri.

Se non lo hai ancora fatto, iscriviti.

Se sei già iscritto,
fatti riconoscere.