Gruppo Pediatria Dott. DI GIULIO & D.ssa D'ERAMO

Specialisti in Pediatria

Link utili

Epistassi: il sangue dal naso

Il sangue dal naso: l'epistassi è un disturbo molto comune nell'infanzia.

L'acetone

Acetone: quando viene e come prevenirlo. Che dieta seguire.

La dentizione

La dentizione nei neonati: i denti da latte si formano già in gravidanza, sotto le gengive. Poi i denti spuntano secondo un calendario abbastanza regolare.

Lo svezzamento

Attualmente si consiglia di iniziare lo svezzamento nel periodo compreso tra il 5° ed il 6° mese di vita.

Lo sviluppo dell'udito

Già all’interno del pancione della mamma il feto è in grado di avvertire i suoni. Scopri come si sviluppa il senso dell'udito.

Lo sviluppo della vista nel primo anno di vita

Le tappe dello sviluppo visivo

Dermatite atopica

La dermatite atopica è una malattia cronica della pelle dei bambini, il cui sintomo più costante e fastidioso è il prurito.

La tosse

La tosse è un atto, singolo o ripetuto, di emissione di aria ad alta velocità dal tratto tracheo-bronchiale.

Le più comuni malattie dell'infanzia

Morbillo, Parotite, Pertosse, Rosolia, Quinta malattia, Scarlattina, Sesta malattia e Varicella.

Come cresce in statura un bambino

Per avere un quadro completo dello sviluppo di un lattante è importante anche tenere conto di come cresce in lunghezza.

Quanto cresce di peso un bambino?

L'incremento del peso di un bambino dalla nascita ai due anni.

Come difendere il bambino dai pericoli della casa

Prevenzione prima di tutto: il maggior pericolo sono i mobili.

La pelle del neonato

Le caratteristiche principali della pelle del neonato.

L'allergia

Allergia: una reazione esagerata verso qualcosa che le persone normalmente tollerano bene.

Come funzionano i vaccini

I vaccini generano anticorpi che permettono all’organismo di reagire.

Il raffreddore nel bambino piccolo

Il neonato o il bambino piccolo soffrono particolarmente per il raffreddore, per via della ostruzione delle vie nasali.

Dare spesso l'antibiotico

Ma l'antibiotico è prescritto dalla mamma o dal Pediatra.

Come affrontare e curare i principali sintomi dell'influenza

Alleviare i disturbi del malato nell'attesa che la malattia si risolva.

PIPI' A LETTO

UN DISTURBO CHE PUO' INTERESSARE I BAMBINI DAI 6 ANNI IN SU

Nuove linee guida NICE sulla gestione della febbre

Febbre - Novità 2013: è ancora appropriato parlare di terapia antipiretica? Paracetamolo o ibuprofene solo nei bambini che appaiono "distressed" !!! Ovvero solo quando si associ un quadro di malessere generale. Ci interessa non l'abbassamento della temperatura (la febbre può avere un effetto protettivo) ma il miglioramento dello stato generale del bambino (unico parametro guida è riportare alla normalità la qualità di vita del bambino durante la malattia). Quindi NON utilizzare antipiretici con il solo scopo di ridurre la temperatura corporea [novità 2013]. Considerare di alternare paracetamolo ed ibuprofene solo se "il distress" persiste o ricompare prima di poter somministrare la seconda dose dello stesso farmaco [novità 2013].

Hai ancora dubbi che l'autismo possa avere una correlazione con le vaccinazioni?

Ecco le risposte alle domande più frequenti fatte dagli esperti dell'Organizzazione mondiale della Sanità (OMS). VACCINI: ALCUNI SEMPLICI NUMERI Si stima che ogni anno, solo 9 vaccini (contro tbc – epatite B – morbillo – tetano – polio – pertosse – haemophilus – difterite – varicella), - Prevengano, nel mondo, circa 6 MILIONI di decessi! - Salvino quasi 400 milioni di anni di vita - Evitino quasi 100 milioni di disabilità

Ragazza muore di morbillo in Olanda

28.10.2013 - Una preoccupante epidemia di morbillo è attualmente in corso in Olanda e nello scorso week end è deceduta una ragazza 17-enne non vaccinata: L'epidemia sta colpendo in particolare i componenti della comunità religiosa che nel 1992, sempre in Olanda, fu all'origine di una seria epidemia di poliomielite. Il decesso e' la punta di un iceberg che ad oggi comporta oltre 2000 casi notificati 121 ricoveri di cui circa il 60% son polmoniti e una encefalite, ormai vien definita la "cintura olandese" assimilata alla "cintura sahariana" x meningite. [NDR] Ricordo che 1 morbillo su 1000 casi può sfociare in encefalite, 1 su 100 (più o meno)in polmonite, che non tutti gli organismi sono uguali, qualcuno è più debole di altri e non sappiamo prima chi rischia di più. Vivono fra noi soggetti immunodeficenti per patologia (trapiantati, oncologici, prematuri, affetti da diabete od altre patologie croniche) per i quali vale un criterio di solidarietà vaccinale (vaccino mio figlio per proteggere lui e chi vive con lui). Tutto questo va considerato a fronte di una vaccinazione che si fa in tutto il mondo, che può dare febbre usualmente modesta e in pochi casi (5%) con reazioni poco più significative ma con giudizio a favore nettamente della prevenzione. COMPLICAZIONI MORBILLO: -Panencefalite subacuta sclerosante (PESS): degenerazione cronica del SNC, che si verifica a distanza di anni dal morbillo (1 caso ogni 100.000 casi di morbillo). -Broncopolmonite e Polmonite, (5-7% dei casi) -Encefalite morbillosa (1 caso ogni 1.000 casi di morbillo), che causa il decesso in circa il 15% dei casi e lascia danni permanenti in circa il 25-50% dei pazienti. -Otite media, 10% dei casi -Cheratite

Rischio polio sull'Europa

Nature: 29 0ttobre 2013 “Il rischio di polio incombe sull’Europa". Sono spiegate le potenziali conseguenze del recente riemergere del virus polio selvaggio in Medio Oriente

Corretto uso distanziatori e raccolta urine con pronturina

Filmati

Signora, suo figlio ha l'ASILite

Finalmente dignità per una diagnosi frequente. In realtà in inglese dovrebbe essere "daycaritis" (day-care-itis: in buona sostanza "bisogno di cure quotidiano"). Il concetto è chiaro: infezioni respiratorie ricorrenti, infezioni gastrointestinali, otiti - quando frequenti- vanno tutte classificate e raggruppate in questa unica categoria. Ogni genitore con un bambino in cura "quasi ogni giorno" probabilmente si chiederà cosa sta accadendo al "malato". Non è certo una sorpresa per i medici anche perchè questo genera un gran numero di visite. I pediatri hanno un nome per esso: daycaritis. Il bambino tra i sei mesi ed i cinque anni di età subisce in media da cinque a otto infezioni riconoscibili nel corso di un anno. La presenza di tre o più bambini in un ambiente chiuso, porta al raddoppio di quel numero. Quindi parliamo di 10-16 "malattie" in un anno (composto da 52 settimane -ndr). In inverno questo si verifica circa ogni due settimane. Se si pensa che ogni malanno richiede una/due settimane per essere superato... vostro figlio è pressochè "continuamente malato ". Diverse importanti associazioni pediatriche credono che non vi sia alcuna differenza nel tenere a casa bambini con i segni delle malattie di tutti i giorni (per evitarne la diffusione). Che si tratti di virus del raffreddore o di comuni virus invernali, quando compaiono i sintomi, è già troppo tardi. I bambini, generalmente, diffondono germi già alcuni giorni prima che i segni si manifestino ed i microbi inizino il loro ciclo. I virus respiratori, come la maggior parte, sono poco prevedibili. Alcuni bambini possono essere contagiosi più a lungo, altri meno. CONCLUSIONI: Fino a quando il bambino non costruirà una sua immunità, sarà "malato" molto più spesso di quanto i genitori si aspettino. Author (s): Bailey P MD Clinical Pediatric Emergency Medicine, Volume 14, Issue 1 PubDate: 2013-03-20T07: 18:07 Z Martin Sherman, MD Pediatrician - Lee Memorial Health System

Pocket book of Hospital Care for Children

Se qualcuno è mai stato a lavorare in un Paese povero ne capirà l'utilità. Appena aggiornato (2nd edition -2013) e curato dall'OMS. Si richiama l'attenzione dei genitori sul reale significato della febbre e sull'eventuale uso di farmaci: "Relieve high fever (>= 39 °C or >= 102.2 °F) with paracetamol if the fever is causing distress to the child." "Antibiotic (they not prevent pneumonia)"

RADIO MAGICA: LA PRIMA WEB RADIO PER BAMBINI

FONDAZIONE RADIO MAGICA ONLUS Radio Magica è la prima web radio per bambini in Italia: una radio che diffonde i suoi contenuti mediante le nuove tecnologie. La qualità dei contenuti è presidiata da esperti dell’età evolutiva (pediatri, psicologi,….) e di cultura per l’infanzia (Nati per leggere, Associazioni Italiane Biblioteche,…) . L’obiettivo è permettere al bambino di conoscere la bellezza dell’ascolto,godendo di quei preziosi benefici che solo il racconto di una fiaba o l’ascolto di una musica possono offrire. Radio magica trasmette in streaming prodotti radiofonici dedicati al pubblico dei bambini, dei ragazzi e delle famiglie. Il palinsesto è curato giornalmente da una redazione di autori, speaker, consulenti musicali che lavorano a stretto contatto con l’èquipe tecnico-scientifica per adattare i contenuti ai bisogni e desideri di ascolto delle diverse fasce di età da zero a tredici anni. Ogni prodotto offerto dalle case editrici (libri, audiolibri, audio fiabe) in linea con le scelte redazionali, è inserito nelle rubriche radiofoniche di Radio Magica. Anche bambini e ragazzi sono coinvolti nella produzione radiofonica attraverso laboratori di scrittura e lettura con la supervisione della redazione: essi possono diventare autori, illustratori e lettori di storie. Radio magica può proporre propri laboratori o ospitare esperienze laboratoriali delle scuole , facendo in modo che tutto il pubblico della radio possa accederne ai contenuti. La web radio si può ascoltare da ogni dispositivo connesso ad internet: computer, smartphone, tablet, smart tv, apparecchi web radio. Radio magica magazine. Radio Magica è anche una collezione di video da guardare ed ascoltare senza barriere , grazie alle lingue per i bisogni speciali, una biblioteca on- line con storie originali, tradizionali e la selezione delle migliori storie esistenti sul mercato; una raccolta di contenuti sviluppati per supportare l’attività scolastica, un blog, una piattaforma divulgativa su temi di interesse per chi si occupa di bambini. L’idea è quella di un magazine da ascoltare (e vedere). Una semplice interfaccia condurrà bambini e ragazzi a contenuti idonei alla propria fase di crescita. Il medesimo contenuto sarà disponibile in formati differenti , per soddisfare il requisito di massima accessibilità. La stessa fiaba quindi sarà presente come audio di alta qualità, ma anche video-narrazione con la LIS (lingua di segni) per i bambini sordi, o con la lingua dei simboli per i bambini con disturbi del linguaggio e di comunicazioni complessi . Si potranno stampare documenti prodotti con la font ad alta leggibilità per i dislessici. Nella sezione podcast vengono messi a disposizione i contenuti scaricabili gratuitamente e ascoltabili senza bisogno di un collegamento internet. Per i bambini vi saranno fiabe, rubriche di scienze, narrativa, attualità, lingua arte, ecc; per gli adulti rubriche di divulgazione pediatrica, sostegno alla genitorialità, diffusione di buone pratiche. I Magazine nel tempo andranno a formare una ricca Biblioteca on-line: un bene per tutti. Radio Magica è una Onlus, che ha come finalità quella di avvicinare il pubblico di lettori da 0 a 13 anni al mondo dei libri in modo innovativo e moderno. È patrocinata da Nati per Leggere, Nati per la Musica; dall’Associazione Culturale Pediatri, dall’Associazione Italiana Biblioteche, dalla Società italiana per l’Educazione Musicale e dal Centro per la Salute del Bambino. Radio Magica collabora con ogni produttore culturale e scientifico:la radio ospita spazi costruiti in collaborazione con musei , case editrici, orchestre, artisti e ogni produttore culturale e scientifico, secondo il nuovo paradigma economico dell’innovazione aperta. I partner di Radio Magica possono godere di vantaggi di visibilità, uso di un nuovo canale per la promozione dei propri prodotti presidiato da un’èquipe tecnico-scientifica, contato diretto con il pubblico delle scuole, famiglie, servizi medico-pediatrici. I Fondatori di Radio Magica Piero Coin, imprenditore e Presidente della Fondazione Luca Marzotto, imprenditore e Vice-Presidente della Fondazione Elena Rocco, ricercatrice universitaria e Segretario Generale della Fondazione Giorgio Tamburlini, pediatra ed ex direttore scientifico dell’ospedale Burlo Garofolo di Trieste Enrico Donati, imprenditore nel settore high tech e amministratore delegato di Beeweeb srl e Managing Partner di Assist S.p.a. Filippo Ghiraldo, consulente area innovazione, fondatore di B.E.P. Innovazione su misura S.R.L. Fondazione Paideia ONLUS di Torino. Università Ca’ Foscari di Venezia La Storia Nasce nel 2010 da una ricerca su oltre 250 programmi radiofonici per bambini a livello mondiale condotta all’Università Ca’ Foscari di Venezia dalla dott.ssa Elena Rocco del dipartimento di Management, grazie ad un finanziamento del Consorzio Impat (ENEA). Elena Rocco si è specializzata nello studio di beni collettivi alla University of California Los Angeles, e ha fatto ricerca per alcuni anni alla University of Michigan, occupandosi di modelli innovativi per lo sviluppo della cooperazione digitale presso il Collaboratory for Research on Electronic Work. Tornata in Italia nel 2000, diventa ricercatrice e poi mamma di due bambini che inevitabilmente dirottano i suoi interessi di ricerca verso i bisogni dell’infanzia, della genitorialità, della scuola e, in generale, dell’innovazione sociale nell’ambito dell’età evolutiva. Radio Magica, ovvero il Diritto all’Ascolto di Qualità Il 20 novembre scorso, in occasione della Giornata Internazionale per i diritti dell’Infanzia e dell’adolescenza, la Fondazione radio magica ha dato inizio ad un percorso di 365 giorni volto al riconoscimento del “Diritto all’ascolto di qualità per i bambini e i ragazzi”. Nel corso dei prossimi mesi e per tutto il 2014, la Fondazione dialogherà con personalità, enti ed associazioni del territorio italiano, per confezionare un documento dedicato a questo importantissimo tema , che verrà presentato il 20 novembre 2014 in occasione della stessa ricorrenza Elena Rocco, fondatrice e segretario generale della Fondazione Radio magica ONLUS , è stata insignita recentemente del prestigioso Premio Minerva Annamaria Memmoliti,istituito nel 1983 e primo premio al femminile in Italia, per essersi distinta in un progetto di eccellenza nell’imprenditoria sociale

DISOSTRUZIONE VIE AEREE PEDIATRICHE- [VIDEO]

Mediamente 50 bambini all’anno perdono la vita per soffocamento (un bambino OGNI SETTIMANA -dati della SIP del 2007)da corpo estraneo perché chi li assiste nei primi drammatici momenti NON è formato/in grado di mettere in atto adeguate manovre. Non è accettabile che nel 2014 accada che nessuno sappia intervenire in ambienti protetti (asili, scuole, ludoteche, palestre...). Ma anche genitori e tutte le persone che ruotano intorno alla vita di un bambino devono sapere cosa fare e cosa NON FARE (Cercare di rimuovere il corpo estraneo con le dita - Scuotere il bambino tenendolo a testa in giù). Il soffocamento da inalazione di corpo estraneo si verifica nel 90% dei casi nei bambini sotto i 5 anni. Il 65% delle vittime sono sotto l’anno. Giocattoli (o loro parti) e cibo sono responsabili di oltre l'87% dei casi.La PREVENZIONE, come sempre è fondamentale: 1- Non lasciate mangiare il bambino mentre corre, gioca, guarda la TV o è in macchina. 2- Non far ridere il bambino mentre mangia, può essere molto pericoloso 3- La gomma da masticare non va data ai bambini. 4- Eliminare nelle case e scuole tutti quegli oggetti che sono apparentemente innocui. Bisogna tenere presente che, anche per la particolare conformazione delle prime vie aeree del bambino (conica a differenza dell'adulto), occorre evitare di mettere a portata di mano tutti gli oggetti che hanno un diametro inferiore ai cm 4.5 – indicativamente è il diametro del tubo di un rotolo di carta igienica. Se l’oggetto passa attraverso il tubo è potenzialmente pericoloso.

vaccinarSI ! La verità

Sentenza 1767/14 pubblicata 1l 13.2.2015